• Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

Sono un paragrafo. Clicca qui per aggiungere il tuo testo e modificami. Sono un posto ideale per raccontare una storia e condividerla con i tuoi utenti.

 I Gosho sono gli scritti di Nichiren Daishonin.

Li troviamo sotto forma di lettere o trattati e il loro numero è di svariate decine.

Nell'edizione italiana sono raccolti in nove volumi, qui scaricabili integralmente.

Le lettere sono lezioni e incoraggiamenti inviati personalmente ai vari amici e discepoli.

I trattati sono insegnamenti o rimostranze al governo e ai reggenti di allora.

I Gosho costituiscono la base della dottrina buddista e anche un mezzo rapido ed efficace per ricevere risposte a problemi e a interrogativi personali.

Viene suggerito di leggerli ad alta voce come se fossero stati scritti a noi di persona.

Lo studio del Gosho è parte integrante e imprescindibile della pratica buddista e ne costituisce uno dei tre pilastri fondamentali (fede, pratica e studio).

DSCF1033.JPG
DSCF1033.JPG

DSCF0925.jpg
DSCF0925.jpg

DSCF1030.jpg
DSCF1030.jpg

DSCF1033.JPG
DSCF1033.JPG

1/5

Sono un titolo. Fai doppio clic.

Sono un titolo. Fai doppio clic.

Tremila mondi

in un singolo istante di vita (Ichinen Sanzen)

 

Secondo T’ien-t’ai, il Sutra del Loto è l’insegnamento supremo perché contiene il principio di ichinen sanzen (tremila condizioni in un soloistante di vita) che rivela il mistico rapporto tra Legge e fenomeni.

 

Letteralmente, ichinen sanzen significa “tremila condizioni nell’unicamente”. Ichinen (una sola mente) è l’espressione filosofica della natura immutabile della Legge dell’universo. Sanzen, invece, indica la pluralitàdi fattori che rappresenta il mondo fenomenico.

 

Nel Maka shikan, T’ien-t’ai incluse i dieci Mondi nella teoria di ichinensanzen, la quale spiega tutti i fenomeni della vita utilizzando i seguenti principi:

1. i dieci Mondi

2. il loro mutuo possesso

3. i dieci fattori

4. i tre regni dell’esistenza.

 

Si parla quindi di tremila mondi (sanzen) in quanto, moltiplicando inumeri relativi ai suddetti principi (10x10x10x3) si ottiene il numero tremila relativo alle differenti condizioni dell’esistenza.